Guadagnare con un sito web che fa poche visite

Written By Simone Pifferi

Home » Opportunità » Guadagnare con un sito web che fa poche visite

Nel video che vi proponiamo oggi si parla di indipendenza economica attraverso un sito web che fa poche o pochissime visite. È possibile? Certo che sì. Prima di lasciarvi al video e al post di oggi però vi ricordiamo che potete continuare a seguirci per parlare di guadagno online anche sul Canale Telegram: https://t.me/guadagnarechannel

Nei precedenti articoli abbiamo parlato di alcune tecniche per guadagnare con un sito web, da Google AdSense all’affiliate marketing di Amazon (piuttosto che di altre piattaforme). In entrambi i casi abbiamo più volte sottolineato che per vedere dei risultati ci vuole impegno, costanza e dedizione, e che bisogna diffidare da chiunque vi dica il contrario. Assieme a questi elementi abbiamo anche detto di come per ottenere dei guadagni con questi sistemi il vostro blog o sito web deve generare molto traffico.

Ma se avete lanciato da poco il vostro progetto online è impossibile che riusciate a guadagnare qualcosa? In questo post proviamo a darvi alcune informazioni e a fornirvi alcune dritte su come guadagnare con un sito web anche se fa poche visite.

Come abbiamo già scritto in passato, il settore di cui si occupa il vostro blog è un elemento che influisce molto sull’aspetto della monetizzazione, specialmente se si vuole intraprendere la pratica dell’affiliate marketing. Questo perché i programmi di affiliazione di alcuni brand dei settori come banca, economia e finanza oppure marketing e pubblicità, pagano molto di più rispetto ad esempio al settore cucina o wellness piuttosto che arte e cultura.

In questo caso potreste avere sì poche visite giornaliere, ma il programma di affiliazione che avete scelto può riconoscervi percentuali più alte. Basti pensare al programma di affiliazione di American Express che offre dai 15 € ai 30 € per ogni carta di credito Blu, Oro e Gold richiesta da un utente proveniente dal vostro sito entro 180 giorni dal momento in cui si è attivato il vostro link.

Ipotizziamo che il vostro sito raggiunga 1000 persone al mese (poco più di 30 al giorno) e di queste l’1% (ovvero 10) scelga di procedere con l’iscrizione al servizio, il vostro guadagno potrebbe andare dai 150 € ai 300 € mensili.

Mettendo da parte l’affiliate marketing, un altro metodo che può portare dei buoni risultati, anche se non si ricevono moltissime visite al proprio sito è quello di guadagnare vendendo corsi online, che siano guide in ebook o video. In linea di massima il blog nasce per creare e condividere contenuti e informazioni utili ad altri utenti. Se i vostri contenuti hanno davvero valore, acquisirete nel tempo sempre più autorevolezza e fra gli utenti interessati alle informazioni che condividete in modo gratuito ce ne saranno sicuramente alcuni interessati anche ad acquistarle.

Non auto nominatevi come i massimi esperti del settore, cercate invece di creare dei corsi (che siano video o ebook) che aiutino il vostro utente a raggiungere l’obiettivo promesso.

Anche in questo caso non è necessario un altissimo volume di traffico per iniziare a guadagnare qualcosa.

Ad esempio ipotizziamo che il prezzo che avete fissato per la vostra guida ebook su un dato argomento sia di 5 €. Anche con una sola vendita al giorno in un mese guadagnereste 150 €. Con questi dati se ne vendereste 5 al giorno a fine mese avrete guadagnato 750 € e così via. E cosa succederebbe se scriveste più di un ebook? Oppure un video corso curato e dettagliato da vendere ad esempio a 100 euro? Vendendone 10 arrivereste a 1000 euro.

Potenzialmente anche con poche visite mensili avreste comunque il vostro guadagno. Inoltre l’enorme vantaggio nel vendere una guida o un corso è che dovrete crearlo una sola volta, fatto questo per ogni acquisto guadagnerete passivamente e potrete dedicarvi ad altri aspetti per la crescita del vostro progetto.

Di sicuro se il vostro sito genera poco traffico lasciate perdere il programma di Google AdSense, in quel caso per guadagnare qualcosa di significativo servono davvero moltissime visite mensili. Come già detto dedicate molta cura alla creazione dei contenuti e se il vostro settore non rientra tra quelli ben pagati nell’affiliate marketing, la soluzione della vendita dei corsi può rivelarsi davvero una buona strategia, e se non proprio non avete tempo di dedicarvi alla creazione dell’ebook da vendere, piuttosto che al video corso, potete sempre affidare il compito a qualcun altro, ovviamente questo vi costerà ma, come scritto in precedenza, sarà un costo da affrontare una tantum e una volta ammortizzato il costo iniziale con le prime vendite, avrete una rendita passiva ogni qualvolta che qualcuno acquisterà il vostro prodotto digitale.

EPISODIO COMPLETO DI SEOME TALK

Lascia un commento