Quanto si guadagna con Google Adsense?

Written By Simone Pifferi

Home » Opportunità » Quanto si guadagna con Google Adsense?
Quanto si guadagna con Google Adsense

Se siete alla ricerca di un metodo per monetizzare il traffico del vostro sito web, in questo articolo parliamo di Google AdSense, forse il più popolare programma pubblicitario utilizzato in tutto il mondo per guadagnare anche se il vostro sito non vende né prodotti e servizi.

Leggi anche: come creare da zero un blog in grado di guadagnare soldi

Cos’è e come funziona Google AdSense

Come è possibile allora guadagnare denaro senza vendere nulla? Ovviamente con la pubblicità, infatti proprio Google descrive AdSense come “un modo semplice e gratuito per guadagnare mostrando annunci accanto ai contenuti online”, più nello specifico, grazie a questo programma, Google consente ai publisher (coloro che pubblicano contenuti su blog e siti web) di guadagnare con i contenuti, mostrando a chi visita il sito annunci mirati, posizionati in appositi spazi pubblicitari, in linea con la linea editoriale del sito o alle ricerche precedenti degli utenti.

AdSense è stato lanciato a metà del 2003 da Google e, come già accennato, è oggi il programma pubblicitario più utilizzato su Internet, si stima infatti che oltre 10 milioni di siti web lo utilizzano.

La registrazione a Google AdSense è totalmente gratuita e non ci sono particolari obblighi. Occorre solamente avere un account Google e attendere 48 ore dal momento in cui si è inoltrata la richiesta di affiliazione per sapere se Google ha accettato o respinto la vostra domanda di iscrizione.

Se tutto va come deve andare riceverete un codice da inserire nel vostro sito web (per i meno esperti il vostro webmaster vi saprà sicuramente aiutare) e Google inizierà a visualizzare sulle vostre pagine annunci pubblicitari.

Come già accennato gli annunci che verranno visualizzati saranno abbinati in base ai contenuti pubblicati e ai visitatori. Gli annunci non sono però creati da Google, ma sono gli stessi inserzionisti che li realizzano (o pagano qualcuno per farlo) in vari formati con testo, immagini, annunci HTML e annunci video con banner di varie dimensioni. Ovviamente da proprietari del sito web avrete modo di scegliere dove saranno pubblicati gli annunci pubblicitari; controllare le categorie di annunci consentite; bloccare annunci indesiderati e modificare l’aspetto grafico degli annunci testuali in modo da adattarli al sito web.

Risulta chiaro come anche Google esegua alcuni controlli sugli annunci pubblicitari per esempio verificare se siano adatti ai minori e in linea con gli utenti del sito web o del blog in cui verranno mostrati.

Il meccanismo è piuttosto semplice: si viene pagati per i clic che questi annunci ottengono dai visitatori del sito web.

Fate attenzione però: non cercate di ingannare Google e aumentare artificialmente il numero di clic. Evitate di incoraggiare i visitatori del vostro sito a fare clic e non fate in nessun caso clic sui vostri annunci. Google ha un sistema ben collaudato per prevenire questo tipo di attività e se nota qualcosa di sospetto o non è sicuro della qualità del traffico e dei clic può sospendere il vostro account.

Guarda anche: come guadagnare con Amazon con il proprio sito o blog

Ma quali annunci verranno pubblicati sul sito?

Per selezionare gli annunci che verranno poi pubblicati sul vostro sito Google utilizza una sorta di sistema d’asta. Gli inserzionisti fanno la loro offerta per pubblicare i loro annunci sui siti degli affiliati al programma AdSense stabilendo il prezzo che sono disposti a pagare. Tutti questi annunci vengono messi in competizione nell’asta e il sistema di Google sceglie in automatico quelli in grado di garantire la maggiore entrata per il proprietario del sito e la migliore esperienza per l’utente. Come già accennato Google paga i publisher in base ai clic (cpc) o alle impression (le visualizzazioni) dell’annuncio pubblicato a seconda della natura dell’annuncio stesso. Infine Google AdSense offre un intuitivo servizio di statistiche che segnala e raccoglie i dati: il numero di clic e impression, piuttosto che i ricavi giornalieri e totali.

Quanto si può guadagnare con Google AdSense

Come è facilmente intuibile è molto difficile stabilire esattamente quanto si può guadagnare con AdSense, almeno finché non lo si prova personalmente. Questo perché le entrate di AdSense dipendono da molti fattori. Primo su tutti il traffico che il vostro sito riceve, poi il tipo di contenuti che si forniscono, la località in cui si trovano i vostri utenti e l’impostazione degli annunci.

Google mette a disposizione un tool che può darvi una stima orientativa per calcolare le entrate annuali potenziali in base alla categoria di contenuti del vostro sito (ad esempio assicurazioni, viaggi, finanza, arti e intrattenimento), all’area geografica e un numero indicativo di visitatori mensili che parte da 50.000 e arriva a 10.000.000. Potete raggiungere il tool da questo link ma vi ricordiamo che si tratta solamente di una stima.

Diciamo che in linea di massima se si ha un sito web o un blog già avviato (almeno con 20-30 pagine di contenuti), il modo migliore per scoprire quando si può guadagnare con AdSense è quello di registrarsi (ricordiamo che il servizio è gratuito) e iniziare a pubblicare gli annunci. Una volta che il proprio account sarà operativo si può accedere in qualsiasi momento e controllare gli utili generati dagli annunci. Con questi dati si può avere un’idea di rendimento e fare una proiezione di quanto si può guadagnare nel corso del tempo.

Se invece dovete ancora impostare tutto quanto, ovvero il sito non esiste, potete utilizzare il calcolatore di Google per vedere quali settori rendono di più. Ad esempio in Italia la categoria Banca Online, le Assicurazione o il Marketing e Pubblicità sono quelle più redditizie, ma si dovrebbe creare un sito web su un argomento di cui si è esperti o comunque molto appassionati. In questo modo sarà più facile generare dei contenuti di qualità e soprattutto, trattando un argomento che vi piace, sarà un lavoro piacevole.

Prima di concludere vogliamo segnalarvi alcune buone pratiche da seguire che forse vi potranno aiutare ad impostare il vostro progetto online in ottica dell’affiliazione con il programma di Google AdSense:

  • prima di tutto amate l’argomento di cui vi occuperete;
  • possibilmente siate esperti dell’argomento di cui il vostro sito andrà a trattare;
  • effettuate delle ricerche per trovare le nicchie più redditizie in termini di cpc e domanda di ricerca e scegliete quella che più fa per voi (sempre in relazione ai primi due punti);
  • non cercate di “fregare” Google con i clic artificiali
  • cercati di produrre contenuti di qualità, che diano valore agli utenti e siate costanti per far sapere a Google che il vostro sito viene aggiornato regolarmente con nuove informazioni.

Conclusioni

Google AdSense è sicuramente un buon modo per guadagnare online, ma non è un sistema che permette di farlo rapidamente. Come abbiamo più volte detto non ne esiste uno, e chi vi dice il contrario molto probabilmente si sta arricchendo grazie alla vostra attenzione. Anche sul web non esistono formule magiche, ma occorre tempo, dedizione e costanza. Da quello che si è detto in questo articolo tenete a mente che per ottenere dei buoni guadagni con AdSense un alto volume di traffico è la cosa essenziale e per ottenerlo bisogna lavorare molto.

Lascia un commento